Articoli

Regine Sorelle

Cast

  • Drammaturgia e Regia: Mirko Di Martino collettiva
  • Costumi: Annalisa Ciaramella
  • Produzione: Teatro dell’Osso

Interpreti

  • Titti Nuzzolese

Sinossi

Maria Antonietta e Maria Carolina d’Asburgo: le figlie di Maria Teresa d’Austria, le due mogli del re di Francia Luigi XVI e del re di Napoli Ferdinando di Borbone. Due regine, due mogli, due figlie. Ma forse, soprattutto, due sorelle. Da piccole, Antonietta e Carolina erano fortemente legate l’una all’altra, ma vennero ben presto divise dal corso della storia e dalle necessità della politica. Il loro destino regale le attendeva giovanissime. Vissero da protagoniste inconsapevoli durante uno dei periodi più cruenti e importanti della storia, ma subirono la violenza della Rivoluzione Francese e la forza di Napoleone Bonaparte: Maria Antonietta venne ghigliottinata in piazza a Parigi al cospetto di una folla che l’aveva prima amata e poi odiata; Maria Carolina morì vecchia e sola lontana da Napoli, la città che aveva imparato ad amare.

NOTE DI REGIA

Lo spettacolo è un monologo di teatro brillante che racconta le vite parallele di Maria Antonietta e Maria Carolina d’Asburgo utilizzando una chiave pop, moderna e colorata, divertente e giocosa, con un pizzico di nostalgia per un mondo irrimediabilmente scomparso. Le due donne furono regine, mogli, figlie, ma forse, soprattutto, sorelle. Lo spettacolo racconta queste due figure di donne eccezionali che scoprirono troppo tardi il vero significato del loro ruolo di regine. Intorno a loro si muove una folla numerosissima di personaggi pittoreschi e intriganti, famosi e sconosciuti, che, ognuno a suo modo, con le sue caratteristiche e la sua lingua, raccontano un pezzo di storia di Napoli, di Parigi, d’Europa. La straordinaria versatilità di Titti Nuzzolese dà vita a uno spettacolo ricchissimo di comicità e di dramma, di storie e di voci, di emozione e di fascino.

Galleria Fotografica

Fotografie: Antonio Colucci

Premi & Riconoscimenti

  • Miglior Attrice – Nomination al Roma Fringe Festival 2017
  • Miglior Attrice – Premio Scenari Casamarciano 2018

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni.

Hai visto lo spettacolo? Vuoi inviarci la tua recensione?
Inviala a info@teatro99posti.com

White Sound

Cast

  • Scritto, diretto e interpretato: Simona Di Maio e Melissa Di Genova
  • Musiche originali: Santy Masciarò
  • Disegno luci: Lorenzo Montanini
  • Elementi scenici e costumi: Maria Isabel Albertini
  • Assistente alla regia: Louis Bernard
  • Traduzione italiano\inglese: Rossella Natale
  • Raccolta testimonianze: Roberta Niero
  • Voce registrata: Carmela Perillo
  • Realizzazione Video: Uncoso Factory
  • Produzione: Teatro In Fabula e Il Teatro nel Baule
  • Coproduzione: Dante Society London

Interpreti

  • Solene Bresciani
  • Vincenzo Coppola
  • Sara Missaglia

Sinossi

“Avete mai sentito parlare di linee parallele del tempo? In quelle linee, ci sono gli avvenimenti che sono rimasti nell’aria, sospesi, vaganti, senza casa. Noi raccoglieremo i resti, le soste e le tappe della vita come frammenti di uno specchio rotto.”

White Sound è il racconto della vita di una donna straordinaria: Lucia De Rosa, detta Rusell ‘e magg’. Lucia non ha più un’età attraverso cui definirsi, i suoi oggetti non le appartengono più, non ha volti da riconoscere, neanche il suo. Cerca qualcosa di importante a cui non sa dare nome. Ad aiutare Lucia nella ricerca del qualcosa smarrito, c’è una bambina che invade la sua casa. È l’arrivo della bambina a stimolare la memoria di Lucia, ad aprire le porte che danno accesso al ricordo. Gli oggetti da cui è circondata, i suoni, i sapori, gli odori sono le tracce del suo passato. È da qui che inizia il viaggio, attraversare ancora una volta la vita fino ad arrivare all’età felice, l’infanzia. L’inizio di tutto.

Due scienziati ci accompagnano nel racconto, a testimonianza della ragione e della scienza che spiega ciò che accade al cervello nel momento in cui una malattia neuro-degenerativa o il tempo ne compromettono le funzionalità. In un momento storico come il nostro, in cui la paura e nello specifico la paura della malattia, è il freno alla vita, abbiamo bisogno di tornare a ricordarne la bellezza e celebrarla.


NOTE DI REGIA

Il progetto nasce dal desiderio di raccontare due eventi naturali che hanno interessato il nostro vissuto nell’ultimo anno: la perdita di una nonna e l’arrivo di una nuova vita. La simultaneità di questi due accadimenti non ci è sembrata un caso. Abbiamo assistito alla crescita naturale di un essere umano che si affaccia alla vita e allo spegnersi di un’altra, prendere la stessa strada. La vecchiaia e l’infanzia, età anagraficamente distanti tra loro, ci sono sembrate incontrarsi in un punto. Un punto senza tempo e senza spazio, che consente di attraversare la vita nel flusso dei ricordi. Ricordi fatti di voci, suoni e musiche di cui lo spettatore fa esperienza immersiva, grazie al binaural microphone, microfono in grado di riprodurre la tridimensionalità del suono come percepita dall’orecchio umano. La sensorialità e il suono, ricostruito come richiamo, evocazione, stimolo, musica, ci ha permesso di arrivare all’origine: al White Sound. Quando siamo nel ventre di nostra madre, il nostro mondo è suono, ancora prima della prima luce guardata, ancora prima del primo tocco; la prima percezione è sonora. In essa sono racchiusi tutti i suoni del corpo: il ritmo del cuore, i movimenti delle viscere, il fluire del sangue, il respiro. Partiamo così dal White Sound: lo ascoltiamo e attraversiamo tutta la vita di una donna, sintonizzandoci sulle sue frequenze. Nel nostro processo di creazione, abbiamo raccontato il cervello come casa e di questa casa abbiamo deciso di aprire le stanze. “Ci sono stanze che vengono utilizzate spesso, dove si entra facilmente, piene di luce. Ecco, queste stanze sono la corteccia celebrale. Ci sono, poi, altre stanze, stanze nascoste, antiche, in cui tutto è conservato con cura. In queste stanze remote si trovano i primi ricordi, quelli d infanzia e le nostre emozioni.”

Realizzato in una Londra deserta e in pieno lockdown, White Sound ci ha permesso, come performers ed artisti di leggere il tempo storico che viviamo e tentare di aprire uno squarcio di luce nel buio. La forza di questa storia è nell’essere una storia di tutti. A tutti tocca invecchiare o affrontare un processo di malattia, a tutti capita di sentirsi disorientati, persi, soli, soprattutto in questo periodo così complesso come quello che stiamo vivendo. Questa storia ricorda che la delicatezza del prendersi cura è tutto quello che resta. Allo stesso modo in cui la bambina guida Lucia nel suo percorso a ritroso nello spettacolo, desideriamo prendere per mano lo spettatore e accompagnarlo attraverso questa storia, che è anche la sua storia.

Galleria Fotografica

Fotografie: Antonio Colucci

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni.

Hai visto lo spettacolo? Vuoi inviarci la tua recensione?
Inviala a info@teatro99posti.com