Novanta novesimo cancello

Autori e Regia

  • Vincenza Tomaselli Regia
  • Vincenza Tomaselli, Carmen Battaglia, Valentina Giuffrida – Sceneggiatura
  • Samuele Gay – Video
  • Elaine Carmen Bonsangue, Carmen Battaglia, Valentina Giuffrida, Giordano Gennaro, Vincenza Tomaselli – Grafica
  • Gabriella Barbagallo – Musiche
  • Salvatore Adorno – Arrangiamenti e Suoni

Attori

  • Rita Fuoco Salonia

Sinossi

Lo spettacolo “NOVANTA NOVESIMO CANCELLO” racconta l’origine e l’evoluzione di un paradosso: in un mondo dove l’uomo combatte ogni giorno la sua battaglia contro il mal di vivere, la pazzia diventa il tragico e biasimato simbolo di libertà di tutte le guerre personali e sociali. Proprio smascherando questa contraddizione, la sceneggiatura (rielaborata e adattata sul soggetto dell’opera letteraria omonima) si apre su un mondo onirico e allucinogeno, desertificato e distrutto da un supremo conflitto con la realtà e la quotidianità dove la ricerca della pazzia e della felicità, correndo per tutto il tempo su due binari paralleli, si riuniscono alla fine dell’esperimento, in una fertile armonia fra mente e corpo, istinto e ragione.

“NOVANTA NOVESIMO CANCELLO” racconta la storia di un’umanità estinta nell’universo dei compromessi, nella quale una superstite conduce lo spettatore sulla soglia della propria desolazione invitandolo a riflettere sull’irreversibilità della vita, sul peso ingombrante dei ricordi, sulla devastazione dei sensi di colpa, su una costituzione sociale in cui le forme prevalgono sui contenuti, l’apparenza vince sulla realtà, la verità perde significato e diviene un fantasma. “NOVANTA NOVESIMO CANCELLO” è la storia di un esperimento fondato su una logica violenta e sottile determinata a combattere i canoni dell’estetica del potere; è la lotta del singolo contro l’inganno universale che attraversa i meandri dell’autodistruzione per giungere alla pace e all’amore per sé stesso. 

Regia

Per la realizzazione di questo spettacolo la giornalista siracusana Vincenza Tomaselli ( studiosa di antropologia, sociologia, filosofia e storia del cinema ) ha voluto intraprendere un approfondito lavoro di preparazione ispirato al metodo di K. S. Stanislavskij relativamente al lavoro dell’attrice su sè stessa e alla costruzione psico-emotiva del suo personaggio. I legami e le relazioni fra i personaggi onirici e la protagonista sono stati indagati e sviluppati attraverso una metodologia basata sull’improvvisazione fisica che trova le sue basi nella Psicomotricità Espressiva e nel Teatro-Danza, elaborata appositamente come mezzo di ricerca artistica ai fini del presente lavoro. La messa in scena del testo è ritmata dall’alternanza incalzante fra teatro e proiezioni video, fra monologhi realistici e momenti onirici e visionari che danno modo di seguire la vicenda non solo su un piano intellettuale, ma anche sul piano più intuitivo della rappresentazione visuale e delle immagini. In un equilibrio nel quale trovano spazio ironia e dramma, la stesura drammaturgica-poetica e dai contenuti fortemente filosofici congiunta alla spiccata carnalità dell’interprete protagonista, rende il personaggio di “NOVANTA NOVESIMO CANCELLO”, reale e onirico, ideale e corruttibile.

Galleria Fotografica

IL TRAILER

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni.

Hai visto lo spettacolo? Vuoi inviarci la tua recensione?
Inviala a info@teatro99posti.com

Scroll to top